sabato , 18 Gennaio 2020
Ultime News
Home » Notizie » C.I.S. iete?

C.I.S. iete?

A me sembra di no, quindi urge un intervento. Eppure sia io sia Pancho-deh non ci spieghiamo perché quando c’è un nuovo articolo l’affluenza di visite aumenti rapidamente e quando non c’è niente di nuovo queste si limitino al minimo sindacale.

Insomma: come fate a sapere che non c’è niente di nuovo se non venite a vedere? E se venite a vedere, non obliterate una presenza che lascia traccia? Mah!? Allora pensiamo che ci sia uno di voi che a turno sta di guardia e quando c’è qualcosa di nuovo avvisa gli altri.

Abbiamo visto che l’audience aumenta vertiginosamente in presenza di indesiderati sorsi provocatori. Anche se alcuni hanno manifestato sospetti sull’identità misteriosa di questo roditore, io continuo a usare il metodo classico per risvegliare i vostri neuroni web. Allora scriviamo ancora qualcosa sul CIS che si sta avviando rapidamente all’epilogo. Rapidamente fin dall’inizio perché l’intero torneo si svolge in meno di due mesi; un po’ pochino, penso, un paio di turni in più e una cadenza settimanale non guasterebbero, ma guasterebbero forse i piani degli organizzatori di altri tornei.

Comunque sia, vediamo com’è andata la penultima giornata ai nostri colori, Per il Duras di Promozione il campionato è finito, dal momento che il suo ultimo turno coincide con l’altrettanto suo turno di riposo. Dobbiamo dire che questa squadra ha iniziato bene (sfiorando il pareggio contro il quotatissimo Salvioli) e finito meglio (sfiorando la vittoria ma ottenendo un meritato pari contro il non altrettanto quotato ma pur sempre superiore Capablanca Mestre). In mezzo due prestazioni da dimenticare, dal 0.5-3.5 col più forte (ma meno del Salvioli) Gregianin Cavarzere al malinconico 0-4 casalingo contro il Canal Junior, sulla carta non superiore alle altre ma in fase di crescita. Se il rovescio casalingo (contro la squadra che comunque guida la classifica) grida vendetta, ancor di più lo fa il passo falso di Cavarzere, se non altro perché in squadra c’erano ancora Phobos e Deimos, che tanto bene hanno figurato all’esordio, che hanno dato peso e qualità alla squadra per l’ultima volta. In verità Phobos ha ottenuto un buon mezzo punto contro il CM Renier e la sua avventura in Promozione in prima scacchiera si è conclusa positivamente. E’ mancato Deimos, che non ha ripetuto la brillante prova del primo turno contro il CM Sussberg, perdendo contro un avversario sulla carta inferiore; ma su quest’incontro c’è già stata una relazione.

Curioso invece notare che l’unico punto di squadra sia stato ottenuto dalla nostra formazione, sulla carta, più debole; dopo l’uscita di orbita di Phobos e Deimos il Duras Venezia si è trovato con 3 3N e un NC contro il Canal Junior, e con 2 3N e 2 NC contro il Capablanca. Speriamo che questa squadra mantenga e rinnovi l’entusiasmo per la prossima edizione. Personalmente registro con soddisfazione che, pur con importanti problemi di formazione, la squadra sia sempre riuscita a schierare quattro giocatori.

Passiamo ora al tormentato autolesionismo del Nono risorto. Guardando la classifica notiamo che se avessimo battuto il Clodiense al secondo turno, pur con le due prestazioni balorde che sono seguite, saremmo secondi con un punto e mezzo punto individuale in meno rispetto ai chioggiotti. Saremmo ancora indietro, certo, ma ci giocheremmo la B all’ultimo turno (e il Chioggia non avrebbe vita facile incontrando il Capablanca, anch’esso lanciato verso l’alto) e soprattutto non dovremmo pensare a chi ci segue. Invece andremo a Noale per giocarci la salvezza. Il turno di domenica scorsa ha avuto il medesimo epilogo del turno casalingo precedente, con il nostro Sior Zaneto che butta nel cesso la sua partita. La vogliamo vedere? Sono solo 70 mosse che non posso scrivere ora. Quindi a partire da lunedì mettetevi comodi.

Cosa? Dite che vi ho imbrogliato? Niente affatto, s’era detto “a partire da lunedì”, ma non s’è mai detto “ad arrivare a …”, pertanto qualsiasi giorno va bene purché sia dopo lunedì. E’ come quando si legge “vacanze tutto compreso prezzo a partire da un euro”, che mi fa un nervoso indescrivibile perché è chiaro che il tutto costerà molto di più (ma non si può sapere quanto).

Bene. Torniamo alla partitaccia del nostro Sior Zaneto. Sì, lo so, non è un complimento e dopo averla vista una volta annuncio che le mie note non saranno molto amichevoli, ma sono certo che il Sior Zaneto non se la prenderà, per cui, anche voi, tutti assieme, diamogli addosso!

About Bruno Trangoni

Bruno Trangoni
Editore | Fondatore di A.D. Scacchi Oldřich Duras

Verifica Anche

L’ago della bilancia

Ho visto nei giorni scorsi, o almeno mi è sembrato di vedere, alcune segnalazioni di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *