mercoledì , 23 Giugno 2021
Home » Notizie » C.I.S. bokkio

C.I.S. bokkio

Questa volta Pupillo l’ha combinata grossa. Persino il Presidente, che lo difende sempre, è fuggito in un esilio dorato scuro in volto e ammutolito. Si poteva sognare la serie B, invece si dovrà lottare per non retrocedere.

Ma, andiamo con ordine: sabato si giocava l’anticipo, no, non Roma-Milan bensì Nono Risorto-Chioggia. I giocatori erano tutti avvisati e pronti per la grande sfida. Tutti, tranne Biagiolik, la nostra prima scacchiera, che se ne era dimenticato. Grazie a Pupillo, in questo caso dotato di buona immaginazione, Super Biagio venne riportato all’ordine e all’ultimo momento lo si convinse a venire. La squadra era dunque al completo e carica. Sacca Fisola l’accolse placida e silenziosa mentre a Venezia impazzava il carnevale. Le quattro partite iniziarono regolarmente; i giocatori si immersero nel gioco concentrati e le scacchiere promettevano scintille. Pupillo era appena uscito da una difficile apertura e si apprestava a un favorevole controgioco quando una melodia brasileira irruppe nel silenzio generale dalla sua tasca destra. ♫ Desaju tambooo♪ alegrìa du soool ♫… Preso alla sprovvista impiegò alcuni attimi fatali per zittire l’irriverente suoneria. Nel frattempo il suo avversario aveva già scritto il risultato sullo score. “Persa?” Domandò ingenuamente. “Eh sì.” Gli risposero contriti i chioggiotti.

Fu un colpo durissimo, eppure la squadra sembrò reagire bene lo stesso: Biagiolik pattò abbastanza rapidamente contro un forte candidato maestro (forse avrebbe potuto aspirare a qualcosa in più se non fosse dovuto partire per motivi di lavoro) e nelle altre due scacchiere le posizioni, per quanto complesse, erano a nostro vantaggio. Pupillo, consapevole del danno fatto, rimase a soffrire in silenzio. Sior Zanet e il Presidente combattevano caparbi e costruivano mossa dopo mossa la vittoria. Purtroppo, quando ormai sembrava fatta, la terza scacchiera iniziò a perdere colpi, o meglio: a perdere pedoni che venivano inghiottiti dalla cinica torre avversaria. Sior Zanet vide così sfumare una partita che aveva fino a quel momento giocato molto bene. La bella vittoria del Presidente ha attutito la sconfitta, ma non il nostro rammarico: potevamo vincere se solo Pupillo non… …♫Desaju tambooo♪ alegrìa du soool♫…

 

About Bruno Trangoni

Bruno Trangoni
Editore | Fondatore di A.D. Scacchi Oldřich Duras

Verifica Anche

Il mio primo torneo ai tempi del Covid

La serie “Di ritorno da…” si prende una pausa. Il titolo è prima di tutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *